Home » Blog » Impresa digitale » L’estetista della donna che cammina nei boschi

L’estetista della donna che cammina nei boschi

  • di
estetista trekking

Essere un’estetista significa che ti prendi cura di alcune parti del corpo di una donna per donare armonia, bellezza e salute alla persona. Come spesso accade, però, la riflessione sul target può mancare nei vari ragionamenti d’impresa. A volte, aprire un’attività come estetista nasce dal semplice: “Mi piace fare i massaggi” oppure “Adoro il nail art” oppure ancora “Truccare mi viene bene”. Poi, però, ci si confronta sempre con le persone e, se manca un ragionamento profondo e serio sulle persone con cui vuoi lavorare, presto o tardi ti sentirai stanca delle tue clienti. Non saranno in linea con le tue aspirazioni: oltre ad acquistare i servizi che ti piace erogare, potresti volere persone che condividono valori con te. Persone che hanno esigenze specifiche più profonde del semplice togliere le pellicine alle unghie. Quindi, se questa è la tua situazione, fermati e seguimi nel ragionamento sul tuo target. Ti porterò come esempio la donna che cammina nei boschi.

Capire il tuo target come estetista

Con chi vuoi lavorare? Questa è la domande base che le mie clienti si sentono SEMPRE porre. E’ la base. Facciamo finta che sei già avanti nella tua riflessione e hai deciso che ti piacerebbe lavorare con le “Donne Avventura“, con le Artemide. Sono donne che stanno all’aria aperta, che tengono i piedi negli scarponi (spesso bagnati). Hanno bisogno di mani con cui arrampicarsi senza il timore di rompersi le unghie o spezzarle. Hanno mani che aprono scatolette di latta. Caviglie che si ingrossano dopo tanti chilometri strette nei calzettoni. Gambe con muscolatura non sempre abituata alle salite. Schiene che sopportano zaini anche pesanti, anche di 20 kg e più. Soprattutto hanno piedi che macinano chilometri come fosse niente. Quindi, questo, per te, cosa significa? Significa che hanno alcune esigenze estetiche ma non ne hanno altre.

Potrebbero avere i calli, le vesciche, l’alluce valgo, le unghie dei piedi incarnite, i duroni. Potrebbero aver bisogno di unghie corte ma ben tenute e smalto. Il corpo potrebbe aver bisogno di massaggi rilassanti, defaticanti, tonificanti, disintossicanti, distensivi. Riflessologia plantare. Potrebbero apprezzare gli oli essenziali perché, stando nella natura e con gli animali, hanno la giusta sensibilità per capire. Di tanto in tanto, le esigenze Afrodite potrebbero essere richieste quindi anche tutta quella gamma di servizi per la bellezza, non solo per la salute. Però: se non sai chi hai davanti, se non capisci quanto vuoi questa persona, quanto siete in risonanza, come puoi prenderti cura di lei al massimo?

Cosa ti piace davvero fare come estetista

Che cosa significa, per te, prenderti cura dei piedi martoriati dagli scarponi invernali? Che differenza c’è, per te, fra il prenderti cura dei piedi che stanno nelle scarpe da danza classica invece che nelle calzature da canicross? Vuoi veramente questo? Perché? Ecco. Le donne che hanno una vita all’aria aperta con i cani, hanno necessità diverse dalle donne che devolvono la loro vita negli uffici con i tacchi alti. Tu quale vuoi? E, se vuoi quelle “da bosco e da riviera“, cosa puoi offrire loro di speciale conoscendo le loro esigenze come persone specifiche?

Guarda il tuo target: ne sei innamorata?

Come ci si può innamorare del proprio target? Cosa ti porta ad essere davvero felice di lavorare con lui/lei? Il perché. I valori. Quello che vuoi realizzare. Forse stai pensando: cosa posso voler mai realizzare facendo le mani alla gente? In realtà, tutto dipende da quanto valore riconosci a quello che offri. Valore è vedere l’impatto che il tuo lavoro ha nella vita, nella psiche, nella routine della persona e come questo impatto riverbera oltre la persona stessa. Pensa, per esempio, se la tua cliente è una mamma che porta con sé la propria bambina mentre viene da te. Tu e la mamma diventate canali per insegnare alla bambina la cura di sé, il ritagliarsi uno spazio proprio, l’importanza delle abitudini di bellezza. La bambina crescerà dando importanza a questi aspetti e non si ritroverà a doverlo imparare da adulta, magari dopo tanti tentativi malestri e faticoso lavoro per riconoscersi il diritto alla bellezza e al proprio tempo di cura. Ci hai mai pensato?

Distinguersi pensando al tuo target

Torniamo ora alla donna che cammina nei boschi con il suo cane. Come puoi distinguerti rispetto alla concorrenza? Un’idea potrebbe essere – considerando il tuo target, riuscendo a vederlo nitidamente – avviare una collaborazione con una toeletta per cani. In modo tale da prenderti cura della donna e dell’animale. Oppure aprire tu un salone di bellezza con business più ampio: hai idea di qual è il giro d’affari intorno alla bellezza del proprio cane e cosa ci ruota intorno? Quanto sono disposte a spendere le persone per il proprio cane e la sua meravigliosa pelliccia? Volendo, potresti anche trovare accordi con handler (i professionisti che portano i cani nelle esposizioni di bellezza): la donna sarà bella grazie a te, il cane sarà bello grazie alla toeletta e l’handler sarà il portavoce del tuo business.

Se vuoi capire come conoscere di più il tuo target e come differenziarti dalla concorrenza, lavorando con amore e con valore, clicca qui. Se preferisci conoscermi da vicino, seguimi nella pagina Facebook.